Benvenuto su WorldWildWeather

Scopri gli ultimi articoli: "Inflow & Outflow" e "I Downburst"

Condividi Informazioni
MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 
Cerca un evento
Contatori visite
 63 visitatori online
Tot. visite contenuti : 81413
Sostienici!
Ti piacciono gli articoli?
Allora clicca sul banner ed aiutaci ad ampliare il sito.

E' sicuro, garantito da WorldWildWeather Staff!


Partnership

meteolympus

Vuoi diventare partner di WorldWildWeather ed aggiungere il tuo banner all'elenco?

Contattaci e la proposta sarà presa in esame dallo Staff

Home Meteorologia & Climatologia Meteorologia Stati Uniti : Relazione Neve e Ghiaccio- Dicembre 2009
Meteorologia & Climatologia - Meteorologia
Loop Stati Uniti Loop Emisfero Nord

Fig. Loop Animati Stati Uniti ed Emisfero Nord (cliccare sulle immagini per visualizzarli)


Il mese di dicembre è stato più freddo ed umido del normale per gran parte degli Stati Uniti. All'inizio del mese, la copertura nevosa è stata  confinata ai territori Settentrionali più elevati, al Nord dei Grandi Laghi, al New England Settentrionale e ad alcune parti degli Appalachi. Il primo Dicembre solo l' 11,2% del territorio Nazionale presentava una omogenea copertura nevosa.

 

Fig. Altezza neve (inches) ed estensione copertura nevosa 1 Dicembre 2009 (click per ingrandire)

 


Tre grandi tempeste invernali hanno apportato abbondanti nevicate, con accumuli compresi tra 30 e 90 cm, dalle Montagne Rocciose, attraverso le Grandi Pianure e fino agli Stati del Mid-Atlantic e del Nord-Est del paese. Alcuni Stati lungo la costa del Golfo del Messico hanno registrato accumuli record per il  periodo. Alla fine del mese il 60,3% del territorio degli Stati Uniti presentava una copertura nevosa omogenea.

 

Fig. Altezza neve ed estensione  copertura nevosa 31 Dicembre 2009

 


Molte  grandi città, tra cui Philadelphia, Washington DC e Oklahoma City hanno registrato il loro Dicembre più nevoso di sempre.

RECORD ACCUMULI MENSILI DICEMBRE 2009

CITTA' ACCUMULO DICEMBRE 2009
RECORD PRECEDENTE
PHILADELPHIA, PA 61.2 CM
56.9 CM - 1909
TOPEKA, KS 48.8 CM
47.8 CM - 1983
LINCOLN, NE 61.7 CM
56.6 CM - 1945
OMAHA, NE 63.2 CM
50.5 CM - 1969
OKLAHOMA CITY, OK 35.6 CM
22.9 CM - 1914
BECLEY, WV 96 CM
67.3 CM - 1993
WASHINGTON, D.C. (REAGAN) 42.2 CM
41.1 CM - 1962
BALTIMORE, MD 58.9 CM
51.8 CM - 1966
SIOUX CITY, IA 86.4 CM
57.4 CM - 2008
JACKSON, KY 44.7 CM
29.2 CM - 1993
DES MOINES, IA 71.6 CM
68.3 CM - 2000

 


L'estensione del ghiaccio artico marino è stata inferiore alla norma per il mese di Dicembre, principalmente nella regione adiacente al Nord dell'Oceano Atlantico. La sua estensione è stata  920000 Km quadrati inferiore alla media 1979-2000 per il mese di Dicembre, ma circa 210000 Km quadrati superiore al valore più basso di sempre, per il mese, registrato nel dicembre 2006.

 

Fig.  Estensione Ghiaccio Artico Marino Media mensile Dicembre 1979-2009

 


Diverse località lungo la costa Usa del Golfo hanno ricevuto la loro prima nevicata con accumulo il 4 Dicembre, quando si è sviluppata una violenta tempesta  sul Golfo del Messico , mentre erano attraversate da un fronte freddo di origine artica.  Houston (Texas) ha ricevuto un accumulo di neve di circa 2,5 cm, Lake Charles e Lafayette (Louisiana) di circa 1 cm. Le città nel Sud-Ovest del Mississippi hanno ricevuto fino a 13 cm di neve, mentre gli accumuli maggiori in Texas e Louisiana sono stati rispettivamente di 10 cm e di 8 cm. I precedenti record di accumuli nevosi per questa regione risalivano all' 11 Dicembre 2008.

 

Fig. Accumuli registrati il 4 Dicembre 2009

 


La prima grande tempesta invernale di Dicembre 2009 si è verificata  tra il 6 e l'11 dicembre. Il sistema depressionario proveniente dall'Oceano Pacifico e diretto verso la terraferma, ha attraversato le Montagne Rocciose e poi si è  trasferito  attraversando gli Stati delle Pianure Settentrionali in tutta la regione dei Grandi Laghi e del New England. Nevicate superori ai 30 cm di accumulo sono state registrate in una serie di stati, dalla California al Maine. Quando la tempesta si è esautrita muovendosi verso l'Oceano Atlantico, la copertura nevosa degli Stati Uniti è salita dal 29% al 53%. Condizioni di Blizzard sono stati segnalati in tutto il Minnesoto, lo Iowa, il Winsconsin e il Michigan.

 

Fig. Copertura Nevosa 10 Dicembre 2009



 

 

La seconda tempesta invernale ha colpito gli stati del Mid-Atlantic e del Nord-Est tra il 18 e il 21 Dicembre, lasciandosi alle spalle accumuli compresi tra 30 e 60 cm, dal North Carolina fino al New England. La tempesta ha avuto origine nel Golfo del Messico e si è  mossa lungo la costa Orientale, sviluppandosi in un classico "Nor'Easter". Il sistema depressionario ha raggiunto la larghezza di 800 km, interessando comtemporaneamente circa 14 Stati. Le violente nevicate hanno paralizzato la fascia densamente popolata che va da Richmond fino a Boston. Condizioni di Blizzard sono state osservate a Philadelphia, che ha ricevuto un accumulo di circa 59.5 cm di neve, il secondo accumulo più alto di sempre per quanto riguarda un singolo evento. Washington Dc ha registrato un accumulo di 38,1 cm, battendo il precedente record risalente al 17 Dicembre 1932.

 

Fig. Neve Accumulata 18-21 Dicembre

 


La terza grande tempesta invernale del mese ha prodotto condizioni di Blizzard dal Texas fino al confine Usa-Canada tra il 24 e il 27 Dicembre 2009. Prima dell'inizio delle nevicate, gli stati del Midwest hanno subito una pericolosa  fase di gelicidio. Con questa tempesta, a fine mese la percentuale di copertura nevosa degli Stati Uniti ha raggiunto il 64,3%.

 

Fig. Neve Accumulata 23-28 Dicembre

 


 

Fig. Tempesta 24-27 Dicembre-Loop Satellite



FONTE :  http:\\www.ncdc.noaa.gov

 

 


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna