Benvenuto su WorldWildWeather

Scopri gli ultimi articoli: "Inflow & Outflow" e "I Downburst"

Condividi Informazioni
MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 
Cerca un evento
Contatori visite
 27 visitatori online
Tot. visite contenuti : 81405
Sostienici!
Ti piacciono gli articoli?
Allora clicca sul banner ed aiutaci ad ampliare il sito.

E' sicuro, garantito da WorldWildWeather Staff!


Partnership

meteolympus

Vuoi diventare partner di WorldWildWeather ed aggiungere il tuo banner all'elenco?

Contattaci e la proposta sarà presa in esame dallo Staff

Home Stormchaser Didattica I Downburst
Stormchaser - Didattica

Per prima cosa è importante sapere che ruolo svolga il Wind Shear:





Dall'immagine sopra si nota come la corrente di shear agisca a quote comprese tra i 300 e 700 millibar, e quella a 700 è la prncipale responsabile della nascita dei burst perchè agisce a livello del downdraft "arriccinadolo"




IL Wind shear è quindi il modo di descrivere un rapido cambiamento della velocità o direzione del vento nei piani X (suolo) e Y ( piano verticale)
Il wind shear è quindi il responsabile della formazione dei sistemi supercellulari e soprattutto dei tornado.
Lo shear comunque agendo su entrambi gli assi di un piano è uno dei responsabili anche della formazione anche dei downburst perchè agisce sui movimenti ascensionali interni al cumulonembo.



Il downburst è un downdraft molto potente che produce danni riscontrabili al suolo, si divide in micro e macroburst, la differenza fondamentale è la zona in cui si verificano, molto ampia quella dei macroburst, più circoscritta quella dei microburst.

Entrambi possono causare venti estremi e provocare gravi danni, le distinzioni riscontrabili sono prevalentemente:
• Microburst
venti intensi che si propagano in un’area di 2/3 km
Durata da 5 a 15 minuti
Venti intensi fino 264 km / h!

 




esempio di un microburst su un cumulonimbus calvus


• Macroburst
venti di estensione superiore a 2/3 km
Durata di 5 a 30 minuti
Venti che si possono spingere fino a 234 km / h!

nell'immagine sotto si nota un macroburst di 3 km di ampiezza, completamente incluso nelle precipitazioni posteriore alla shelf clouds



Un downburst avviene quando l'aria fredda comincia a scendere dai livelli medio e superiore di un cumulonembo (caduta a velocità inferiore a 20 chilometri l'ora)

Quando l’aria l'aria più fredda colpisce la superficie della Terra più calda, comincia a “rotolare” compiendo dei movimenti molto simili a dei vortici disposti in verticale in un piano orizzontale.

L’aria fredda rotolando si comprime e comprimendosi per il fenomeno di liquefazione, causato dall'aumenatre della pressione, crea delle differenze di volume tali da generare fortissime correnti che possono raggiungere anche i 270km\h.


I burst si differenziano dai tornado perché i primi sono dovuti a downdraft violenti del temporale e quindi sprigionano moti di tipo hi-OUT (cioè da sola fuoriuscita) e seguono un andamento quantomeno rettilineo, mentre i tornado non sono dovuti a downdraft violenti, almeno che non sia il caso di una tornado wrappers (cioè incluso nelle precipitazioni, comune nelle supercelle HP), ma avviene in 2 fasi IN-OUT con uno scambio barico, termico, isocoro continuo tra la cella temporalesca e l’ambiente esterno (piano terreno)
In oltre il tornado mantiene un movimento sempre rotatorio orizzontale nel piano verticale.



Nell'immagine sottostante sono presenti Danni da downburst, da notare le linee degli alberi abbattuti disposte in linea retta, segno di raffiche rettilinee




I Downburst sono molto più frequente dei tornado, perché un burst si sviluppa prevalentemente da sistemi cellulari semplici, mentre i tornado necessitano di sistemi supercellulari.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna